diversificazione aziendale

Come la diversificazione aziendale può aiutare la tua impresa?

Molti imprenditori scelgono la strada della diversificazione aziendale per far crescere la propria impresa, attraverso la ricerca di nuovi mercati e lo sviluppo di nuovi prodotti in modo da raggiungere un target più ampio di clienti. Questo, come puoi immaginare, è un processo che richiede molto tempo.

Se anche tu vuoi diversificare la tua azienda continua a leggere l’articolo di Reting.

Diversificare un’impresa: cosa c’è da sapere

Un’azienda diversificata opera in molti business anche diversi tra loro. È necessario quindi avere a disposizione un top management che sappia coordinare le attività necessarie ad attuare il processo.

La diversificazione di un’azienda è consigliata non solo quando c’è un esigenza di risollevarla da punto di vista finanziario, ma anche quando si desidera crescere in altri settori ponendosi degli obiettivi più grandi.

Di seguito, alcuni casi in cui può essere applicata la diversificazione:

  • esiste una possibilità espandere il proprio mercato in diversi settori che integrano il business principale dell’azienda.
  • l’azienda può utilizzare delle competenze già acquisite in nuovi mercati.
  • l’azienda può sfruttare la diversificazione per ridurre i costi di produzione.
  • il brand dell’azienda è molto noto e può essere utilizzato per dare un impulso alle vendite di altri settori.

Se pensi che la strategia di diversificazione possa essere applicata nella tua azienda, è bene che tu conosca i quattro compiti che deve svolgere il top manager prima di fare il tuo ingresso in altri settori del mercato:

  • deve scegliere i nuovi mercati in cui inserire l’azienda e valutare quale sia la migliore modalità d’ingresso.
  • deve coordinare attività che aiutino ad incrementare le performance combinate.
  • deve usare tutte le possibilità per sfruttare le competenze aziendali.
  • deve stabilire le priorità da seguire per la divisione delle risorse nei vari settori.

Solo gestendo queste operazioni che si può usufruire dei vantaggi della diversificazione aziendale.

Leggi anche: Gestire l’azienda in modo efficace ed efficiente

Strategie di ingresso ai nuovi business

Esistono tre modi per entrare in nuovi business in modo da diversificare la propria azienda. Essi si differenziano per le caratteristiche dell’azienda e del mercato in cui desiderano inserirsi.

Ma vediamole con ordine:

  • acquisizione di imprese: è la soluzione più veloce per inserirsi in nuovi settori del mercati ed è quindi la scelta più frequente da parte degli imprenditori. È chiaramente più semplice acquisire un’azienda già esistente piuttosto che fondarne una da zero. Infatti, così gli ostacoli più frequenti di quando si cerca di inserirsi in un nuovo mercato sono già superati: creazione di un know-how tecnologico, creare contatti con i fornitori, risultare competitivi sul mercato, e la possibilità di investire grosse somme di denaro per promuovere i prodotti.
  • sviluppo interno: questo metodo prevede la creazione di nuove strutture ed è scelto principalmente da imprese che hanno ingenti risorse economiche. Sono necessarie anche importanti abilità per poter inserirsi in nuovi mercati. Al livello economico richiede meno impegno rispetto all’acquisizione ma è necessario un grosso sforzo intellettuale per l’inserimento in nuovi business. 
  • joint venture: in questo caso si prevede la creazione di una nuova azienda formata da più imprese che iniziano una collaborazione per un obiettivo comune. Questa soluzione è utile nel caso in cui si voglia raggiungere un mercato molto complesso dal punto di vista economico. In particolare, è molto indicata nel caso in cui si voglia entrare in un mercato estero.

Potrebbe esserti utile anche la lettura di: Core Business, cos’è, significato in ambito aziendale ed esempi