cross selling franchising

Cross selling nel franchising, come funziona

Il cross selling può aiutare è in grado di far aumentare la spesa media di tutta la clientela. In fondo, chiunque abbia dei clienti, non vuole altro che spendano soldi per acquistare prodotti o avvalersi di un servizio. A patto che i prodotti o i servizi offerti siano di qualità. 

Ma cos’è esattamente il cross selling? Vediamolo di seguito. 

Cross selling nel franchising: cos’è

Il cross selling consiste nel massimizzare ciò che si vende a ciascun cliente. Un cross selling efficace può aumentare il numero di acquisti per cliente, oltre ad operare con il proprio Store Manager per movimentare le scorte e ad estendere il proprio valore ai clienti.

I clienti devono essere messi nelle condizioni di comprendere il valore di ciò che si vuole vendere come parte dell’acquisto che fanno. È importante creare valore sia per l’azienda che per i suoi clienti, e non solo in termini monetari.

Di seguito qualche consiglio su come operare col cross selling. 

Consigli su cross selling, come operare

Tra i consigli su come operare sul cross selling, c’è quello di osservare attentamente i clienti e porre domande. 

Di solito, gli acquirenti entrano nei piccoli punti vendita, o vedono dei corner franchising con un’idea molto specifica di ciò che è in vendita e di ciò che vogliono. Osservano i vari prodotti e poi se ne vanno. 

Se qualcosa suscita il loro interesse, è perfettamente ragionevole porre loro domande o menzionare il prodotto. 

Un esempio è il tipico negozio di ferramenta che vende migliaia di articoli. Un cliente che cerca tubi per l’irrigazione si reca, di solito, nel reparto giardinaggio. 

Anche se è indeciso o meno se acquistare il prodotto, notando il suo interesse è il momento giusto per offrirgli la consegna gratuita se acquista prodotti di un certo importo. 

Bisogna anche migliorare il servizio di base. Un franchising deve possedere prodotti e servizi che si completino a vicenda.  Tutti i dipendenti devono conoscere e mettere in pratica le modalità più ragionevoli per aumentare le vendite di prodotti e servizi di un certo rilievo. 

Poi è anche importante espandere la vendita di base. Il franchising alimentare ne è un classico esempio. Ad esempio, si potrebbero offrire gamberetti a chi compra un’insalata o bacon a chi mangia un hamburger. 

I pochi euro che si ottengono da un cross-selling “extra” possono coprire la maggior parte dei costi delle scorte. 

Inoltre si può promuovere ciò che vuole vendere, offrendo dei prodotti aggiuntivi. Se, ad esempio, un parrucchiere ha troppi prodotti per la depilazione, potrebbe mettere accanto in vendita un pettine a denti larghi per attirare l’attenzione. 

Qualunque sia il prodotto che si intende vendere, metterlo in evidenza e fare cross-selling con altri prodotti.

Mostrare anche quali prodotti sono compatibili tra di loro. Chi acquista scarpe può avere bisogno anche di calzini e chi acquista un biglietto d’auguri può avere bisogno anche di un sacchetto regalo o di un nastro. 

Se vengono esposti insieme prodotti simili, sarà più facile per gli acquirenti capire il significato dell’offerta e sarà più facile per loro dire sì. 

Tuttavia, è anche importante essere ragionevoli. Una persona che viene a comprare gli pneumatici potrebbe cambiare l’olio, ma non viceversa, perché il cambio dell’olio costa molto di più rispetto a quanto pensava di spendere inizialmente. I componenti aggiuntivi non sono gli acquisti più importanti.

Qualunque sia la strategia che si intende adottare, ricordare che qualsiasi attività è molto importante dal punto di vista del cliente.

I discorsi fastidiosi sulle vendite e le offerte illogiche li allontaneranno dal negozio. Tuttavia, se un’offerta può avere molto senso per loro, capiranno a fondo il suo valore. I clienti abituali, soprattutto quelli disposti a comprare, sono quelli migliori.